Curcumina 300mg e piperina

Integratore alimentare a base di curcumina 300mg e pepe nero (piperina) 10mg.

90 capsule
Economico, per 3 mesi!

Read moreShow less
18,86 €
Numero di bottiglie
  • 90 caps
  • 2x 90 caps
  • 3x 90 caps
  • 4x 90 caps
Aggiungi alla lista dei desideri
Descrizione

Alto dosaggio
Per la massima efficienza
Economico, per 3 mesi!

Antiossidante
Per neutralizzare i radicali liberi

Contro il morbo di Alzheimer
Aiuta il sistema immunitario a pulire l'amiloide

Contro il cancro
Prevenire e combattere

Antinfiammatorio
Per combattere le malattie infiammatorie croniche

Salute cardiovascolare
Per ridurre il danno vascolare

Il nostro integratore alimentare di curcumina e piperina è altamente dosato, 300 mg per capsula, che è quasi il massimo che si possa trovare.

La grande forza della nostra formulazione è la combinazione di curcumina e piperina. La piperina permette una biodisponibilità molto maggiore della curcumina.

La bottiglia di lusso è fatta di vetro ambrato per proteggere dalla luce e mantenere tutte le proprietà. 2 anni di conservazione!

Tabella dei contenuti

1. Curcuma e curcumina

La curcumina è un pigmento vegetale giallo-arancione brillante. È abbondantemente rappresentata nel rizoma tuberoso (radice) di varie specie di curcuma, compresa la Curcuma longa (o Curcuma domestica). La radice di curcuma è particolarmente usata nella cucina indiana e asiatica per preparare curry e varie salse tipiche locali, mentre nella medicina ayurvedica, grazie al suo contenuto di curcumina, è stata usata per molti secoli per trattare una grande varietà di disturbi.

Simile al colore dello zafferano, nell'industria alimentare e cosmetica, la curcumina è un additivo alimentare colorante giallo-arancio, etichettato E100.

Nell'alimentazione, la curcumina è anche usata come integratore per le sue proprietà nutrizionali.

2. Applicazioni della curcumina

Per riassumere, gli usi più comuni della curcumina sono i seguenti :

  • Integratore alimentare o dietetico
  • Additivo alimentare o cosmetico
  • Aromi per alimenti, ad esempio bevande al gusto di curcuma, che sono particolarmente popolari in Giappone.

Le vendite annuali di curcumina sono particolarmente aumentate dal 2012, a causa della sua crescente popolarità come integratore alimentare.

È anche sempre più utilizzato nei cosmetici per la cura della pelle a base di ingredienti naturali.

Come colorante, è usato principalmente nel continente asiatico.

Il mercato economicamente più importante è il Nord America, dove le vendite hanno superato i 20 milioni di dollari nel 2014.

3. Curcumina nel cibo

La curcumina è il curcuminoide più abbondante e caratteristico della curcuma (radice). Secondo gli studi, il contenuto medio di curcumina della radice di curcuma essiccata e polverizzata è di circa il 3%, che varia considerevolmente (1,06% - 5,70%) a seconda della specie, del suolo e delle condizioni ambientali in cui la pianta cresce.

Più modeste e ancora più variabili sarebbero le concentrazioni di curcumina nel curry e in altri prodotti a base di curry.

4. Scoperta della curcumina

La curcumina fu isolata per la prima volta dai rizomi di curcuma nel 1815 da Vogel e Pelletier, che le diedero il nome usato ancora oggi.

5. Chimica della curcumina

La curcumina appartiene al gruppo dei curcuminoidi.

Chimicamente e nutrizionalmente, la curcumina è classificata come un fenolo (più precisamente, un polifenolo) e, come sarà descritto, ha una serie di importanti vantaggi metabolici. In particolare, la curcumina appartiene a una piccola classe di metaboliti vegetali secondari conosciuti come diarilettanoidi.

Nella sua struttura chimica, incorpora diversi gruppi funzionali, la cui struttura è stata identificata solo nel 1910 (quasi un secolo dopo la sua scoperta).

La curcumina è usata come indicatore di boro e reagisce con l'acido borico per formare un composto rossastro chiamato "rosocianina".

6. Quando usare la curcumina ?

Anche se il meccanismo d'azione della curcumina, e più in generale dei curcuminoidi, non è ancora completamente compreso, dati recenti hanno identificato le prime indicazioni terapeutiche.
Più specificamente, la curcumina e i curcuminoidi sembrano avere funzioni :

  • Antiossidanti: proteggono le strutture cellulari dagli effetti nocivi dei radicali liberi dell'ossigeno.
  • Antinfiammatorio : riducendo l'espressione degli enzimi coinvolti nello sviluppo della reazione infiammatoria
  • Antitumorale: da un lato inibendo il processo di neoangiogenesi e dall'altro inducendo il processo apoptotico.

Per queste ragioni, la curcumina e i curcuminoidi sono stati utilizzati per molti anni nei seguenti ambiti :

  • Trattamento delle malattie infiammatorie, comprese le malattie croniche
  • Prevenzione dell'invecchiamento e delle malattie ossidative come la cataratta
  • Gestione dell'osteoartrite e della patologia artritica
  • Prevenzione delle malattie neurodegenerative come l'Alzheimer
  • Disintossicazione da sostanze tossiche
  • Epato-protezione

7. Quali sono le proprietà e le azioni farmacologiche ricercate e studiate della curcumina ?

688 studi, di cui più di 400 pubblicati negli ultimi quattro anni, confermano le notevoli proprietà anticancerogene, antinfiammatorie e antiossidanti della curcumina. Negli ultimi anni, l'interesse per il potenziale della curcumina come agente neuroprotettivo è aumentato.

Molti ricercatori sono sempre più convinti che la parte più primitiva del sistema immunitario (quella che si manifesta come infiammazione), possa giocare un ruolo cruciale in alcune delle malattie dell'uomo moderno, tra cui le malattie cardiache, il cancro, il diabete e forse il morbo di Alzheimer.

Estratto standardizzato di curcumina 95
L'estratto standardizzato contiene almeno il 95% di curcuminoidi, curcumina, demetossicurcumina e bisdemetossicurcumina, la gamma completa di antiossidanti estratti dalla curcuma. Questa è la percentuale esatta utilizzata in molti studi clinici.

A differenza di molti altri antiossidanti, i curcuminoidi sono in grado sia di prevenire la formazione di radicali liberi che di neutralizzare i radicali liberi esistenti, e sono considerati efficaci bioprotettori grazie a questa doppia attività.

8. Quali benefici ha mostrato la curcumina negli studi ?

Le proprietà più interessanti della curcumina - in quanto potenzialmente utili nel trattamento di una vasta gamma di malattie - sono :

  • Antiossidanti
  • Antinfiammatorio
  • Antitumorale

Gli studi attualmente pubblicati in letteratura sui potenziali effetti preventivi e terapeutici della curcumina e dei curcuminoidi sono molto interessanti.

Anche se la maggior parte di questo lavoro è stato condotto in modelli sperimentali, non mancano informazioni preziose per gli esseri umani in vivo. C'è però un aspetto metabolico che, pur essendo uno svantaggio dell'effetto generico sulle forme tumorali, conferisce alla curcumina un'efficacia specifica sul sistema digestivo: la biodisponibilità.

9. Biodisponibilità della curcumina

Gli studi clinici sugli esseri umani dimostrano che la curcumina è scarsamente biodisponibile quando viene assunta per via orale; in particolare, la curcumina viene rapidamente coniugata nel fegato e nell'intestino a glucuronide di curcumina e solfato di curcumina, o ridotta a esaidrocurcumina; questi metaboliti hanno un'attività biologica inferiore alla curcumina. Studi di farmacocinetica hanno dimostrato che se la curcumina viene assunta a dosi inferiori a 3,6-4 g/giorno, la curcumina stessa e i suoi metaboliti possono essere non rilevabili nel plasma.

D'altra parte, ci sono prove scientifiche che la curcumina somministrata per via orale tende ad accumularsi nei tessuti del tratto gastrointestinale, dove ha le sue più interessanti e provate attività biologiche e terapeutiche. Al di fuori di questa via, la limitata biodisponibilità della sostanza solleva più dubbi sulle sue potenziali applicazioni cliniche, che sono molto promettenti in vitro e in modelli animali, ma difficili da trasferire all'intero essere umano.

Non è un caso che la capacità della curcumina di indurre la morte di vari tipi di cellule tumorali in vitro abbia suscitato interesse nella prevenzione di alcuni tipi di cancro, come il cancro orale, il cancro gastrico, il cancro al fegato, il cancro al pancreas e soprattutto il cancro colorettale.

Sono stati messi a punto numerosi metodi per assimilarla meglio e rafforzarne gli effetti, compreso l'uso di coadiuvanti per migliorarne l'assorbimento intestinale e ridurne l'eliminazione. I più noti sono la piperina (un alcaloide presente nel pepe nero) e i grassi oleosi. Combinando la curcuma con questi ingredienti, la sua biodisponibilità può essere aumentata.


Meccanismo d'azione della piperina :
La piperina funziona inibendo la glucuronizzazione della curcumina nel fegato e nell'intestino. La glucuronizzazione è una delle reazioni più importanti con cui il corpo disintossica ed elimina i composti estranei. Bloccando questo processo, la curcumina non viene eliminata e può circolare per esercitare i suoi effetti.

Meccanismo d'azione dell'olio :
Poiché la curcumina è una sostanza idrofoba, poco solubile in acqua ma molto solubile nei lipidi, la combinazione con l'olio d'oliva (o qualsiasi altro tipo di grasso) aumenta notevolmente la sua solubilità e facilita il suo assorbimento.

10. Curcuma e cancro

Insieme a licopene (pomodori), genisteina (soia), resveratrolo (vino rosso), quercetina (cipolle, capperi, molte altre verdure) ed epigallocatechina-3-gallato (tè verde), la curcumina è una delle molecole vegetali più studiate per le sue potenziali proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e chemopreventive contro diversi tipi di cancro.

Mentre il licopene e la genisteina hanno mostrato applicazioni potenziali contro il cancro alla prostata, il resveratrolo e la curcumina sembrano essere più attivi contro il cancro al colon.

Come spiegato in precedenza, la curcumina tende ad accumularsi nei tessuti dell'apparato digerente, dove ha le maggiori applicazioni preventive e terapeutiche.

Allo stadio attuale della scienza, l'integrazione di curcumina può essere considerata dai medici sia per prevenire lo sviluppo di tumori gastrointestinali in individui suscettibili sia come aggiunta agli agenti chemioterapici tradizionali come il 5-fluorouracile e l'oxaliplatino.

Ci sono prove in letteratura per l'efficacia della curcumina, in particolare nel trattamento delle seguenti forme di cancro:

  • Cancro al seno
  • Cancro ai polmoni
  • Tumori ematologici e linfatici
  • Cancro allo stomaco
  • Cancro della cavità orale
  • Cancro colorettale
  • Antiossidanti
  • Cancro al pancreas
  • Cancro al fegato
  • Cancro alla prostata
  • Tumori al cervello
  • Mesotelioma
  • Fibrosarcoma
  • Melanoma

Diversi studi hanno anche dimostrato che la curcumina è anche un ottimo aiuto per combattere gli effetti collaterali tipici della chemioterapia:

  • Tossicità gastrointestinale
  • Cardiotossicità
  • Epatotossicità
  • Nefrotossicità
  • Mielosoppressione
  • Neurotossicità

11. Curcumina e infiammazione

C'è un considerevole lavoro sperimentale e clinico sull'utilità della curcumina nella gestione delle malattie infiammatorie.

Inibendo l'espressione di mediatori infiammatori come TNF alfa, IL1 e IL8, la curcumina ha dimostrato di essere utile nelle malattie infiammatorie come l'artrite reumatoide, il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, l'uveite anteriore cronica e altre malattie rare caratterizzate da infiammazione cronica. Oltre a modificare il corso e l'intensità della malattia, questa integrazione ha portato a un significativo miglioramento della qualità della vita dei pazienti colpiti.

12. Curcumina e malattia di Alzheimer

Diversi studi hanno dimostrato che la curcumina può aiutare il sistema immunitario a "pulire" il cervello dalla beta-amiloide, il principale costituente delle placche presenti nella malattia di Alzheimer. Poiché il morbo di Alzheimer è causato in parte dall'infiammazione indotta dall'amiloide, la curcumina ha dimostrato di essere efficace contro questa malattia.

13. Curcumina e salute cardiovascolare

La curcumina e i curcuminoidi hanno anche dimostrato di essere efficaci nel ridurre il rischio cardiovascolare. Si pensa che il loro effetto protettivo sia dovuto alla loro capacità di inibire l'ossidazione delle lipoproteine LDL, note per essere altamente aterogenee, e di ridurre il danno vascolare. Questi risultati, che finora sono stati osservati solo in modelli sperimentali, potrebbero tuttavia avere importanti applicazioni in campo clinico.

14. Come funziona la curcumina contro l'artrite ?

L'artrite è anche una malattia infiammatoria. Tutti i farmaci attualmente approvati per l'artrite sono antinfiammatori. La terapia contro il fattore di necrosi tumorale (TNF) è stata recentemente approvata per questa malattia. La curcumina ha dimostrato di fermare la produzione di TNF e di bloccarne l'azione. La curcumina, applicata topicamente, ha dimostrato di avere attività contro l'artrite.

15. Come funziona la curcumina contro il morbo di Crohn ?

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria. Tutti i farmaci attualmente approvati per questa malattia hanno un'attività antinfiammatoria. La terapia anti-TNF è stata approvata per questa malattia. È stato dimostrato che la curcumina blocca sia la produzione che l'azione del TNF. La curcumina orale ha dimostrato di avere attività contro il morbo di Crohn.

16. Come fa la curcumina ad accelerare la guarigione delle ferite ?

Ci sono molte prove sperimentali che suggeriscono che la curcumina può accelerare la guarigione delle ferite. Questo ha portato, per esempio, la Johnson & Johnson a commercializzare (in India) cerotti tipo "Band Aid" contenenti curcumina.

17. Come funziona la curcumina contro la psoriasi ?

La psoriasi è un'altra malattia di natura infiammatoria. Ci sono prove significative, sia negli animali che negli esseri umani, che la curcumina è molto efficace contro la psoriasi quando viene applicata topicamente sulla pelle.

18. Curcumina e proteina C-reattiva

La curcumina sembra ridurre i livelli di proteina C-reattiva nel siero, anche se non è stata osservata una relazione dose-risposta.

Un eccesso di proteina C-reattiva è legato all'infiammazione sistemica, che a sua volta si manifesta in alcune malattie croniche.

19. Come usare la curcumina e i curcuminoidi ?

Negli ultimi anni, sono emerse diverse forme proprietarie di curcumina, in cui la sostanza è elaborata in modo tale e/o coniugata con altre molecole per facilitare il suo assorbimento.

Poiché l'emivita dopo la somministrazione orale varia da due a otto ore, si consiglia di prendere la curcumina in diverse dosi (3 o 4) durante il giorno.

Le dosi usualmente raccomandate vanno da 400 a 800 mg, ripetute tre volte al giorno. Si consiglia di prenderlo a stomaco vuoto e con piperina o bromelina per migliorarne l'assorbimento.

20. Effetti collaterali

Due studi clinici preliminari su pazienti affetti da cancro che hanno assunto alte dosi di curcumina (fino a 8 grammi al giorno per 3-4 mesi) non hanno mostrato alcuna tossicità, anche se alcune persone hanno lamentato nausea o lieve diarrea.

Inoltre, l'uso della curcumina e dei curcuminoidi è stato associato, anche se raramente, alla comparsa di :

  • Dolore epigastrico e gastrite
  • Ipertransaminasemia transitoria

21. Controindicazioni

Quando non si dovrebbe usare la curcumina?

L'uso della curcumina e dei curcuminoidi è controindicato in caso di ipersensibilità al principio attivo, litiasi biliare e malattia biliare ostruttiva.

22. Interazioni farmacologiche

Quali farmaci o alimenti possono alterare l'effetto della curcumina e dei curcuminoidi?

Ci sono diverse interazioni farmacologiche documentate tra la curcumina o i curcuminoidi e altri principi attivi. Questi includono :

  • Interazione con gli agenti chemioterapici, che è responsabile dell'aumento dell'azione antitumorale di questi farmaci.
  • Interazione con agenti antiaggreganti (Plavix, Aspirinetta, CardioAspirin) responsabile di una maggiore attività antiaggregante.
  • L'interazione con anticoagulanti orali come il warfarin (Coumadin o Sintrom) è potenzialmente responsabile di un aumentato rischio di sanguinamento.

Al contrario, l'assunzione simultanea di piperina e bromelina può aumentare l'assorbimento intestinale e la biodisponibilità della curcumina.

In studi sperimentali, la curcumina ha anche dimostrato di ridurre la nefrotossicità di alcuni principi attivi.

23. Precauzioni per l'uso

Cosa devo sapere prima di prendere la curcumina e i curcuminoidi?


In assenza di studi, l'uso della curcumina dovrebbe essere evitato durante la gravidanza e il successivo periodo di allattamento.

Un attento controllo medico durante l'assunzione di curcumina sarebbe necessario in pazienti con malattia da reflusso gastroesofageo o ulcere gastriche, a causa del potenziale effetto irritante sulla mucosa gastrica. Per lo stesso motivo, la curcumina o gli integratori di curcuminoidi dovrebbero essere presi con i pasti.

24. Riferimenti bibliografici

  1. Int J Mol Sci.2020 Feb 7. Valutazione dell'attività antiossidante delle sostanze fitochimiche derivate dalle spezie utilizzando il pesce zebra. Endo Y, Muraki K, Fuse Y, Kobayashi M.
  2. Eur Cardiol.2019 Jul 11. Azione antinfiammatoria della curcumina e suo uso nel trattamento delle malattie dello stile di vita. Shimizu K, Funamoto M, Sunagawa Y, Shimizu S, Katanasaka Y, Miyazaki Y, Wada H, Hasegawa K, Morimoto T.
  3. Nutrienti. 2019 Oct. Curcumina, microbiota intestinale e neuroprotezione. Francesco Di Meo, Sabrina Margarucci, Umberto Galderisi, Stefania Crispi e Gianfranco Peluso
  4. Food Nutr Res. 2017. Effetti regolatori della somministrazione di spezie di curcumina sul microbiota intestinale e le sue implicazioni farmacologiche. Liang Shen, Lu Liu e Hong-Fang Ji
  5. Nutrienti. Agosto 2019. Curcumina e diabete mellito di tipo 2: prevenzione e trattamento. Francesca Pivari, Alessandra Mingione, Caterina Brasacchio e Laura Soldati.
  6. Nutrienti. 2013 Oct. Polifenoli: benefici per il sistema cardiovascolare in salute e invecchiamento. Sandhya Khurana, Krishnan Venkataraman, Amanda Hollingsworth, Matthew Piche e C. Tai
  7. Drug Des Devel Ther.2018 Dec 3. La curcumina attenua l'infiammazione indotta dall'artrite reumatoide e l'iperplasia sinoviale prendendo di mira il percorso mTOR nei ratti. Dai Q, Zhou , Xu L, Song X
  8. Med Sci (Basilea). 2017 Dic. Regolazione del metabolismo delle poliammine da parte della curcumina per la prevenzione e la terapia del cancro. Tracy Murray-Stewartet Robert A. Casero, Jr.
  9. Nutrienti. 5 ottobre 2019. Curcumina e cancro. Giordano A, Tommonaro G.
  10. Front Pharmacol. 2018. Effetto preventivo della curcumina contro gli effetti collaterali indotti dalla chemioterapia. Zhijun Liu, Pengyun Huang, Siukan Law, Haiyan Tian, Wingnang Leung e Chuanshan Xu.
  11. Cancer Res Treat. 2014 Jan 15. Recenti sviluppi nella consegna, biodisponibilità, assorbimento e metabolismo della curcumina: il pigmento d'oro della spezia d'oro. Sahdeo Prasad, PhD, Amit K. Tyagi, PhD, e Bharat B. Aggarwal, PhD
  12. Planta Med.1998 maggio. Influenza della piperina sulla farmacocinetica della curcumina in animali e volontari umani. Shoba G, Joy D, Joseph T, Majeed M, Rajendran R, Srinivas PS.
  13. Int J Nanomedicine.2019 Dec 10. Valutazione del meccanismo di assorbimento intestinale e della farmacocinetica delle nanoparticelle di albumina galattosilata caricate con curcumina: Huang Y, Deng S, Luo X, Liu Y, Xu W, Pan J, Wang M, Xia Z.
  14. Int J Nanomedicine.2017 Aug 21. Curcumina liposomiale e la sua applicazione nel cancro. Feng T, Wei Y, Lee RJ, Zhao L.
Read moreShow less
Dettagli del prodotto
curcumine-piperine

Scheda tecnica

Composizione
Curcumina 300mg, piperina 10mg, 100% naturale, vegano, non OGM, involucro della capsula: idrossipropilmetilcellulosa
Proprietà
Potente antiossidante
Presentazione
Bottiglia di vetro da 90 capsule - durata di conservazione di 2 anni
Dosaggio
Da 1 a 2 capsule al giorno con un bicchiere d'acqua
Recensioni
Nessun commento

Lascia una recensione

  • Qualità:
Describe this product using simple and short words.
Upload images:
Drop images here or click to upload.
Related products

Menu

Settings

Condividi

Crea un account gratuito per utilizzare le liste dei desideri.

Accedi